Il Pedagogista Clinico è un professionista del settore socio-educativo che si pone al fianco della persona che chiede aiuto per risolvere problemi, disagi o difficoltà, con metodi e tecniche propri di tipo esclusivamente educativo. L'intervento è rivolto a persone di ogni età, a individui singoli, a coppie o gruppi al fine di promuovere ed estendere le capacità individuali e sociali.
Il Pedagogista Clinico lavora sulla persona sviluppandone le potenzialità attraverso metodi e tecniche dialogico-corporei caratteristici della disciplina, strutturati e flessibili.
La persona è intesa nella sua globalità: corpo e mente in interazione e in equilibrio così da favorire uno sviluppo armonico e un costante adattamento. La Pedagogia Clinica non si sofferma sul deficit ma fortifica le potenzialità che osserva nella persona per permetterne il recupero delle competenze e la compensazione delle difficoltà.
Attraverso la verifica delle PAD (Potenzialità, Abilità, Disponibilità), che si determina in un insieme di processi di analisi rivolti a diversi aspetti della persona (storico-personale, espressività motoria, verbale e grafica, autonomia e coscienza di sé), il Pedagogista Clinico si forma un quadro globale della persona - con valutazioni di tipo qualitativo e non quantitativo dei dati rilevati sui test effettuati - per creare il progetto d'intervento più adatto.
I metodi corporei sono una delle attività fondamentali di un progetto educativo clinico poiché permettono alla persona, attraverso le movimentazioni, di riappropriarsi gradualmente del proprio corpo e di ricreare la propria mappa corporea (schema corporeo); in questo modo il Pedagogista Clinico e la persona riconnettono psiche e soma tra loro al fine di ricostituire un nuovo equilibrio psico-fisico.